Perché The Help è un brutto film Black Lives Matter

Che Film Vedere?
 

L'aiuto divenne Il film più visto di Netflix sulla scia delle proteste globali e in corso di Black Lives Matter, il che implica che gli spettatori si rivolgono al film di Tate Taylor del 2011 per istruirsi sul razzismo e sull'alleanza. Ancora L'aiuto, un film scritto e diretto da un uomo bianco, basato su un romanzo di Kathryn Stockett, una donna bianca, sul desiderio di un'altra donna bianca di documentare la vita delle cameriere nere, è tutt'altro che utile alla causa Black Lives Matter.





L'aiuto è ambientato negli anni '60 a Jackson, Mississippi e si concentra su Skeeter Phelan (Emma Stone), una giovane donna bianca e aspirante giornalista che scrive un libro sulle cameriere nere della sua città natale. La storia è incentrata sulla sua relazione con due domestiche nere, Aibileen Clark (Viola Davis) e Minny Jackson (Octavia Spencer, che ha vinto un Oscar per la sua interpretazione). La denuncia pubblicata anonimamente da Skeeter manda in subbuglio la piccola città del sud, poiché scopre ciò che i datori di lavoro bianchi non sanno sulla vita delle cameriere nere.






Star Wars la Forza ha scatenato 3 xbox 360

Imparentato: Green Book è il peggior miglior film degli ultimi anni (e dimostra che gli Oscar non sono cambiati)



Anche se L'aiuto si è rivelato un successo al botteghino e ha ricevuto un Candidatura all'Oscar per il miglior film , all'epoca fu criticato per la sua narrativa sul salvatore bianco e per il suo accantonare le prospettive dei neri. Le ingiustizie razziali sistemiche evidenziate da Black Lives Matter portano i problemi del film in un rilievo ancora più netto, quindi vederlo seduto al primo posto dei film più visti di Netflix è sconcertante e, nel peggiore dei casi, dannoso per il movimento Black Lives Matter.

L'aiuto soffre di una trama di White Savior

I film che placano il senso di colpa dei bianchi vanno bene a Hollywood, sia al botteghino che durante la stagione dei premi. Non più tardi del vincitore del miglior film del 2018 Libro verde, film che impiegano il tropo del 'salvatore bianco' nella loro rappresentazione della razza e del razzismo ricevono grandi applausi dall'establishment dell'intrattenimento. La narrativa del salvatore bianco è spesso impiegata nei film sulla razza, in cui un personaggio bianco salva un personaggio nero o non bianco dalla sua sofferenza. Altri film di prestigio includono Il lato cieco, Menti pericolose, E Mississipi in fiamme, tutto ciò segue questa narrazione. Può anche essere più insidioso come quando Al Harrison di Kevin Costner spacca l'insegna del bagno segregato apparentemente progressista Figure nascoste .






L'aiuto' Skeeter, essenzialmente un personaggio autoinserito per Stockett, è un salvatore bianco da manuale. È posizionata come il catalizzatore chiave per il cambiamento nel film, mentre le donne nere su cui basa il suo libro sono raffigurate come rassegnate alle loro circostanze e impotenti nella loro oppressione. Ambientato anche durante il movimento per i diritti civili americani guidato da attivisti neri, la narrazione si appropria della storia dei diritti civili e propone invece che le donne nere di Jackson non avrebbero lottato per il cambiamento se non fosse stato per il coraggio e l'altruismo di questa donna bianca. L'aiuto nega l'agenzia dei personaggi neri nel proprio movimento di emancipazione e la attribuisce invece alla gentilezza dei bianchi 'buoni'.



Le narrazioni del salvatore bianco pongono anche i sentimenti degli spettatori bianchi su quelli delle persone di colore. Questi film placano il pubblico bianco dando loro una storia in cui possono essere l'eroe che difende la parità di diritti, piuttosto che gli antagonisti che beneficiano dell'oppressione sistemica. Il personaggio di Emma Stone in L'aiuto inquadra la storia come una storia di cooperazione razziale, piuttosto che sui diritti civili, per i quali la comunità nera è stata costretta a lottare.






Relazionato: Just Mercy's Ending ha un messaggio pericoloso



Viola Davis si rammarica del suo ruolo nell'aiuto

L'aiuto è tornato all'attenzione popolare nel 2018, dopo a New York Times è stata pubblicata un'intervista in cui Viola Davis ha espresso rammarico per il suo coinvolgimento nel film. Quando le è stato chiesto se si fosse mai pentita di aver ceduto i ruoli, la Davis ha capovolto la domanda. Quasi una domanda migliore è: ho mai interpretato ruoli di cui mi sono pentito? Sì, e 'The Help' è in quella lista. Ma non in termini di esperienza e di persone coinvolte perché erano tutte fantastiche. La Davis, che ha ricevuto una nomination all'Oscar come migliore attrice per il ruolo di Aibileen, ha continuato spiegando:

Ho solo sentito che alla fine della giornata non si sentivano le voci delle cameriere. Conosco Aibileen. Conosco Minny. Sono mia nonna. Sono mia madre. E so che se fai un film in cui l'intera premessa è, voglio sapere come ci si sente a lavorare per i bianchi e crescere i bambini nel 1963, voglio sentire come ti senti veramente al riguardo. Non l'ho mai sentito durante il film.

Nonostante Aibileen Clark sia la narratrice del film e una presenza centrale nella storia, viene descritta come inizialmente sottomessa al razzismo di cui soffre. Lo sopporta, timorosa di opporsi alla sua oppressione. Anche nel presunto finale vittorioso, che vede Aibileen allontanarsi dopo essere stata licenziata dal suo lavoro, racconta come raccontare a Skeeter la sua storia l'ha liberata e decide di diventare una scrittrice. Il suo sviluppo del personaggio da una cameriera tranquilla e matronale a una donna autorizzata con un sogno è attribuito quasi interamente alle azioni di Skeeter piuttosto che come risultato dell'agenzia di Aibileen.

Il vero Ablene Cooper ha citato in giudizio l'autore dell'aiuto

Ablene Cooper, la vera governante che ha lavorato per molti anni per il fratello dell'autore, ha intentato una causa da $ 75.000 contro Kathryn Stockett dopo l'uscita dell'adattamento cinematografico; ha affermato che il personaggio di Aibileen è stato ispirato da lei e che la sua somiglianza è stata utilizzata a sua insaputa o permesso. Cooper ha considerato il ritratto di Aibileen Clark imbarazzante E emotivamente sconvolgente e ha espresso dispiacere per il modo in cui le cameriere nere erano generalmente caratterizzate nel romanzo. La causa legge inoltre che il comportamento dell'autore ha fatto sentire Ablene violata, oltraggiata e disgustata.

Relazionato: Star Trek: come Martin Luther King Jr. ha salvato Uhura

Nonostante i suoi datori di lavoro Carol e Robert Stockett III sostenessero le affermazioni di Cooper contro Kathryn Stockett, il caso è stato archiviato quando l'autore ha sostenuto che la causa era stata intentata al di fuori del termine di prescrizione di un anno per appropriazione indebita. Le affermazioni di Ablene Cooper secondo cui Aibileen è basata su di lei non sono state quindi mai smentite, eppure Cooper non avrebbe mai ricevuto denaro dall'autore di bestseller. Dopo che il verdetto è stato emesso, Cooper ha espresso la sua delusione per il risultato, dicendo alla stampa: Sai che l'ha fatto, e tutti gli altri sanno che l'ha fatto.

Migliori film e programmi TV da trasmettere in streaming per conoscere Black Lives Matter

Piuttosto che rivolgersi a L'aiuto per istruirsi su Black Lives Matter e per approfondire le conversazioni sul razzismo sistemico e la necessità di una riforma sociale di massa, gli spettatori farebbero meglio a cercare film incentrati sulle voci nere e supportare i creatori neri. Le migliori opzioni di streaming di Netflix includono due progetti di Ava DuVernay, il documentario nominato all'Oscar 13 e la serie limitata vincitrice di un Emmy Quando ci vedono. Dee Rees' Fangoso è anche su Netflix, così com'è La morte e la vita di Marsha P. Johnson, un omaggio all'attivista trans nero; Cosa è successo, signorina Simone?; Spiegato: il divario di ricchezza razziale; Divenire; E Isola Forte.

Anche la Warner Bros. ha realizzato Solo Misericordia, interpretato da Michael B. Jordan e Jamie Foxx e basato sul lavoro di una vita dell'avvocato per i diritti civili Bryan Stevenson, disponibile per l'affitto gratuito fino a giugno. Anche la piattaforma di streaming di The Criterion Collection, Criterion Channel, ha alzato il suo paywall per rendere gratuiti una varietà di film di registi neri, tra cui Julie Dash Figlie della Polvere; Giù nel Delta; Ritratto di Giasone; Pantere Nere; E Perdendo terreno. Showtime ha anche alzato il suo paywall su due documentari, 16 colpi sull'uccisione del diciassettenne Laquan McDonald da parte della polizia e sull'insabbiamento del suo omicidio, e Brucia figlio di puttana, brucia di Sacha Jenkins. Candidato al miglior film Selma è noleggiabile gratuitamente fino a giugno su tutte le piattaforme digitali e IFC Films Unlimited lo ha annunciato Il Black Power Mixtape 1967-1975 è in streaming gratuito sulla sua piattaforma fino al 12 giugno. Hoopla e Kanopy stanno anche trasmettendo gratuitamente il documentario su James Baldwin nominato all'Oscar 2016 Non sono il tuo negro, Toni Morrison: Pezzi che sono, Strade di chi? e molti altri film e documentari. Tubi ha fatto l'incredibile stazione di Fruitvale disponibile gratuitamente sul loro sito web. Sebbene questo sia lungi dall'essere un elenco esaustivo di film e programmi televisivi, questa piccola selezione fornirà preziose informazioni e istruzione sui problemi di Black Lives Matter - molto più appropriata di qualsiasi altra cosa in L'aiuto .

Prossimo: Come la rappresentazione di film e TV salva vite umane